Aspettando Cracovia: la Nostra Intervista a Damianito 👊 🇮🇹

Please follow and like us:

Da poche settimane ha vinto il Redbull 3Style a Bologna e rappresenterà l’Italia alla finale mondiale di Cracovia, abbiamo l’onore ed il piacere di intervistare Damianito.

Ciao Damiano e benvenuto su HipHop.it; hai portato a casa il titolo a Bologna, stai già lavorando al set per la finale in Polonia?
Ciao a tutti, mi fa davvero molto piacere scambiare quattro chiacchiere con voi!
Diciamo che la costruzione del set presentato alla finale di Bologna è stato abbastanza impegnativo,  sto semplicemente buttando giù alcune idee di quello che sarà poi il set delle finali.

Facciamo qualche passo indietro: come ti sei avvicinato al djing?

La prima volta in cui ho capito che il djing era il mio futuro è stata ad una festa di capodanno dove il dj che selezionava aveva fatto divertire anche me dodicenne con quella ‘’musica da vecchi’’. Qualche anno dopo ho approfondito la conoscenza tecnica degli strumenti ed ho cominciato a suonare nelle prime feste tra amici.

Il primo vinile che hai comprato?
Il giorno che ho comprato il mio primo vinile lo ricordo come se fosse ieri.
Una ristampa del grande classico Michael Jackson – Billie Jean.

C’è stato o c’è un dj di riferimento?

Diciamo che la prima persona influente sul mio stile musicale è mio padre.
Artisti di riferimento sicuramente possiamo trovare il leggendario DJ AM, A-Trak e sicuramente Jazzy Jeff.

Sei un classe 90 ma hai già alle spalle numerose aperture importanti da Snoop Dogg a Tyga, hai portato i tuoi sets in giro per l’Europa e non solo, il tuo ricordo più bello dagli inizi fino ad oggi?
Diciamo che ogni evento lascia indelebile dentro di te un sacco di emozioni,  Il ricordo più bello in assoluto è stato quando ho suonato un dj set davanti alla mia famiglia.
Vedere i loro occhi pieni di felicità, non ha avuto prezzo

Sicuramente la finale di Cracovia è lo step più imminente ma hai già in mente progetti futuri?
Nel mio futuro più imminente grande rilevanza ha la finale a Cracovia, il mio obiettivo resta quello di scrivere il mio nome tra i grandi Djs che si sfideranno come me durante questa finalissima.  Indipendentemente dall’esito della competizione intendo continuare il mio lavoro di produzione cercando di essere sempre più innovativo.

C’è un collega italiano con il quale ti piacerebbe collaborare in futuro?
Diciamo che nella scena italiana, troppe sono le persone con la quale vorrei collaborare.
Potrei citarne alcuni come Big Fish, Crookers, Ty1, Mr Phil, DJ Delta e Double S.
Potrei scriverne ancora a centinaia, penso che loro siano stati anche elementi di forte ispirazione per me.


Ultima domanda: si dice spesso che musicalmente siamo sempre anni dietro rispetto agli altri paesi, secondo te è vero? Il perché di questo gap?
Secondo il mio punto di vista, Penso che la scena musicale in Italia sia diversa dal resto del pianeta, viene molto influenzata dalle tendenze americane ma è in grado di miscelare questi stili creando nuovi concetti sebbene , comunque, non sia mai stato un format innovativo ma sempre ispirato.
L’Italia quindi non porta le novità, ma si allaccia ad esse nonostante disponiamo di elementi interessanti per far nascere qualcosa di unico in cui risuoni la cultura musicale italiana, io ho cercato di presentare qualcosa dal sapore mediterraneo nella mia performance durante la finale a Bologna e mi muovo per far crescere la concezione italiana sulla musica.

Grazie mille e in bocca a lupo per i progetti futuri.

Please follow and like us:
Lorenzo Bruno

Sogna, ragazzo sogna

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Seguici su:
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Instagram