KRS-One New Album, IL Ritorno del RE ๐Ÿ‘Š ๐Ÿ‡บ๐Ÿ‡ธ

Please follow and like us:

Inossidabile Kris Parker, che chiede di “mostrare rispetto” dalla prima traccia, un omone che pretende e costringe gli interlocutori a restare a meningi spremute al suo cospetto, mai perfetto, sporco nelle metriche ma sempre sul pezzo a rappresentare in ogni senso il suo South Bronx dagli anni ’80.

Avrete intuito che รจ tornato il vero King del Boom Bap con una release di appena due giorni fa, dal titolo “The World Is Mind”

Prima di fare un breve riassunto dei suoi ultimi due anni trascorsi tra dissing e lotte di pensiero a difesa del suo amico e mentore dei tempi che furono: Afrika Bambaataa, vi regalo il succo del discorso, anzi ce lo regala il tubo, a patto che mentre ascoltate i ruggiti del leone vi leggiate tutto fino in fondo …(!)…

Partiamo dal 2015: nel pieno di una battle (certo, il ragazzo classe 1965 non si tira ancora indietro) gli รจ scappata una barra contro un’altra leggenda della RAP GOLDEN ERA: LL COOL J, pare che fosse dettata dall’enfasi del momento e presto sono arrivate scuse ufficiali e spiegazioni (non giustificazioni) .. link al video

Pare perรฒ che la sfanculata istintiva in cui KRS-ONEย ย ha coinvolto l’mc del Queens, abbia creato un effetto domino che ha interessato una mc dello stesso quartiere, MC SHAN che ne aveva quattro da dirgliene giร  da un pezzo, una specie di resa dei conti di vecchia data tra la “Juice Crew” della focosa rapper ed il collettivo dei “Boogie Down Productions”, che ha chiesto dunque una battle ufficiale al nostro Kris nell’estate del 2016, per farla finita una volta per tutte.
La risposta arriva brutale e con i controcazzi, anche se MC SHAN ha evidenziato alcune controversie nelle parole di KRS-ONE che riguardavano Afrika Bambaataa a proposito delle accuse per abusi sessuali di cui il fondatore della Zulu Nation era stato accusato.

Kris Parker non le manda a dire da nessuno e dichiara che “chiunque abbia un problema con Bambaataa puรฒ uscire dalla scena hip hop“, affermazione che non mi sento di sottoscrivere in pieno ma che ha un senso per i ragazzi del South Bronxย evidentemente
… e beccatevi anche questa testimonianza

La questione finisce proprio con l’uscita di questo album, nel senso che il veterano capisce che non puรฒ lasciare in ereditร  ai posteri dei miseri dissing, sebbeneย di spessore, ma che facendo parlare le rime prodotte per far star bene i milioni di seguaci di diverse generazioni che ha accumulato dal 1987 ad oggi, avrebbe sancito nuovamente che il capo รจ lui e buona notte ai suonatori.

Le 15 tracce compresse in circa 45 minuti, ovvero un paio di strofe fresche l’uno con tutti i crismi e l’energia dei contenuti suoi e delle produzioni di Paul Laffree, sono a mio giudizio da veroย ritorno del RE,ย scaldano un vecchio ascoltatore di sto genere, come (spero) qualcuno con orecchie piรน tenere…. e come spesso succede con gli album di KRS, fanno riflettere sul significato che ha seguire la cultura HIP HOP (riferimenti al mondo del writing con la traccia “Out for fame”) e partecipare al gioco delle sfide con lo spirito intatto di un bambino dalla voce molto grossa, che coinvolge in prima persona mc di tutto il mondo (feat dal Sud Afrika in “keep it clicking”).

Poco piรน di 10 anni fa il “mostro” era al “Link” di Bologna in concerto e ha fatto salire con lui sul palco, senza alcun accordo precedente, una decina di breaker prima e di mc poi… ero tra quei 10, che poi sono rimasti 5 e alla fine 3: KRS-One, Moddi e questo ragazzo di 43 anni. Non una foto, non un video, solo un ricordo indelebileย  di aver scambiatoย il microfono con un MCย che ci crede fino in fondo…. e la consolazione che tra i tre, tutto sommato…ero il meno grosso.

 

Please follow and like us:
Stefano Word Serio

Rimini IT

Old School MC e testimone della golden age. L'istinto della scrittura per passione della cruda realtร 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Seguici su:
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Instagram